top of page

Nel giorno del compleanno di Khamenei, Israele colpisce base militare iraniana

Aggiornamento: 19 apr



Guarda il video. L'attacco di Israele all'Iran è partito all'alba. Un venerdì, non a caso, e nel giorno del compleanno dell'ayatollah e capo spirituale Khamenei. E nel 196° giorno di guerra tra Hamas e Israele. Un'altra alba tragica per il mondo. La televisione ufficiale iraniana ha dato notizia di "forti esplosioni" nella base militare di Esfahan, nell'Iran centrale, una delle più belle città del Paese, nota per la sua architettura persiana. L'Iran ha immediatamente chiuso lo spazio aereo sulla capitale ed ha attivato la sua difesa aerea, poi riaprirlo alcune ore dopo. A stretto giro di tempo, mentre le sirene risuonavano nel nord Israele, il governo iraniano affermava di aver abbattuto alcuni droni, ma ribadiva che i siti nucleari nei pressi di Eshafan sono in "totale sicurezza". Il Comandante dell'esercito iraniano conferma: le nostre forze hanno sparato contro "oggetti volanti" nei cieli di Eshahan, le nostre forze erano in allerta.

Da fonti americane, rilanciate dal canale Fox News, l'iniziativa militare israeliana è limitato. Nessuna conferma è arrivata dal portavoce delle forze armate israeliane. Secondo il quotidiano israeliano Haaretz, la conferma dell'attacco aereo è arrivata da un funzionario israeliano al Washington Post. Lo stesso quotidiano riporta in prima pagina on line le nuove sanzioni al programma iraniano di droni, all'acciaio e alle industrie automobilistiche.

Da parte iraniana, si è puntualizzato che a Esfahan non si sono registrate grandi esplosioni, ma sono andati in frantumi alcuni vetri delle finestre di edifici governativi.

Dal ministro della Difesa italiano, Guido Crosetto, frasi che invitano a evitare una pericolosa escalation. Alle agenzie di stampa, Crosetto ha dichiarato: "Ricevo costanti aggiornamenti e seguo gli sviluppi della situazione in Medio Oriente. Con gli alleati e partner stiamo lavorando per scongiurare un'ulteriore escalation, invitare le parti alla moderazione affinché non si arrivi ad un punto di non ritorno". 

Le forze armate israeliane hanno continuato stamane a bombardare basi militari in Siria ed in Iraq.



60 visualizzazioni0 commenti

Comments


L'associazione

Montagne

Approfondisci la 

nostra storia

#laportadivetro

Posts Archive

ISCRIVITI
ALLA
NEWSLETTER

Thanks for submitting!

bottom of page