top of page

Straordinario Berrettini: bis al Queen’s, ora Wimbledon

Aggiornamento: 22 set 2022


A cento anni esatti dall’esordio dei moschettieri azzurri di tennis in Coppa Davis, 19 giugno 1922, contro le Isole Britanniche al Roehampton Lawn Tennis Club di Londra, l’Italia celebra nel migliore dei modi la ricorrenza. Sull’erba dell’Atp Queen’s londinese, Matteo Berrettini, numero uno del tennis italiano (10° nel ranking mondiale), vince il torneo che aveva già fatto suo lo scorso anno in tre set sull’inglese e beniamino di casa Cameron Norrie.

Dunque, davvero una grande cornice per la storia della nostra avventura in Coppa Davis. Cento anni fa, era un lunedì, gli azzurri scesero in campo contro i maestri britannici, ma rimediarono soltanto sconfitte, con un punteggio poi temperato dal forfait di un giocatore avversario. Fu un “apprendistato” severo, ma che non impedì all’Italia negli anni successivi di diventare una protagonista della Coppa Davis, fino alla vittoria del 1976 a Santiago del Cile (in https://www.supertennis.tv/News/Eventi-internazionali/Italia-cento-anni-Coppa-Davis-storia-grandi-momenti Carattere, personalità, determinazione, concentrazione, grande resistenza allo stress, un team d’eccellenza guidato da Vincenzo Santopadre: mescolate gli elementi, ma non agitateli, parafrasando lo 007 James Bond, e ne esce Matteo Berrettini, un grande campione.

Romano, ventisei anni, dal 2019 in crescita esponenziale, rappresenta oggi la punta di diamante della nouvelle vague tennistica dell’Italia, che ha in Jannik Sinner, Lorenzo Sonego e Lorenzo Musetti, insieme al veterano Fabio Fognini, una squadra competitiva per il prossimo impegno in coppa Davis a Bologna, nel mese di settembre. Fresco vincitore domenica scorsa dell’ATP 250 di Stoccarda, battendo uno dei più grandi tennisti britannici, lo scozzese Andy Murray, Berrettini (rimasto lontano dai campi per 84 giorni a causa di un’operazione al polso destro) ha mostrato colpi di grande classe, fantasia e fisicità. Il tutto saldato in un repertorio tecnico che ha fiaccato in due set 7-5, 6-4 la resistenza del pur bravo serbo Filip Krajinovic (nella foto in alto a sinistra), meno di un outsider, arrivato in finale, battendo nell’ordine Brookksby, Querrey, Peniston, Cilic, senza aver mai vinto prima del Queen’s una partita sull’erba. Nella foto in basso, il momento della premiazione.

4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Quando la Jugoslavia era il Brasile d’Europa

di Marco Travaglini Il campionato europeo di calcio è alle ultime battute, riservando poche sorprese (a parte l'eliminazione, meritata, dell'Italia che lo vinse per la seconda volta nel 2021) e sporad

Comments


L'associazione

Montagne

Approfondisci la 

nostra storia

#laportadivetro

Posts Archive

ISCRIVITI
ALLA
NEWSLETTER

Thanks for submitting!

bottom of page