top of page

In ricordo di Jacques Brel

di Marco Travaglini


l drammatici eventi di questi giorni in Israele e nella Striscia di Gaza hanno in qualche misura concorso a mettere in ombra l'anniversario della morte di Jacques Brel, che moriva il 9 ottobre di quarantacinque anni fa. Brel, uno dei più grandi chansonnier del ‘900, è entrato nei nostri sentimenti con indimenticabili brani come Ne me quitte pas e La chanson des vieux amants. Un cancro se lo portò via a soli 49 anni.

Belga di nascita, ma francese d’adozione, iniziò a suonare senza grande successo nei cabaret e nei bistrot di Parigi ma tra la fine degli anni ’50 e la metà degli anni ‘60 il pubblico riconobbe il suo talento. Brel pubblicò 13 album, l’ultimo nel 1977 ( Les Marquises, noto anche come Brel) dieci anni dopo la scelta di non cantare più un pubblico. I più grandi cantanti, come Juliette Gréco, hanno interpretato le sue canzoni e da grande artista quale era venne apprezzato anche come attore e regista teatrale. I sentimenti, l’amore, un certo esistenzialismo umanistico, le idee libertarie, l’antimilitarismo non di maniera, gli sberleffi alla società dei benpensanti, il senso dell’amicizia: i testi di Jaques Brel hanno riassunto la vita sotto ogni punto di vista.

Lo chansonnier è sepolto nel cimitero del Calvario ad Atuona, la località principale dell’isola di Hiva Oa nella Polinesia francese dove si era trasferito negli ultimi anni della sua vita. Nello stesso luogo, posto su un’alta collina dalla quale si vede l’oceano, riposa il pittore Paul Gauguin. Come scrisse in uno dei suoi testi più belli e importanti “c’è voluto del talento per riuscire a invecchiare senza diventare adulti“. Anche in questi versi, da poeta inquieto e ribelle, vi si può leggere il suo messaggio rivolto ad ognuno di noi: “Vi auguro sogni a non finire, la voglia furiosa di realizzarne qualcuno; vi auguro di amare ciò che si deve amare e di dimenticare ciò che si deve dimenticare; vi auguro passioni, vi auguro silenzi; vi auguro il canto degli uccelli al risveglio e risate di bambini; vi auguro di resistere all’affondamento, all’indifferenza, alle virtù negative della nostra epoca. Vi auguro soprattutto di essere voi stessi”.

32 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

L'associazione

Montagne

Approfondisci la 

nostra storia

#laportadivetro

Posts Archive

ISCRIVITI
ALLA
NEWSLETTER

Thanks for submitting!

bottom of page