top of page

Lampedusa, 10 anni fa la tragedia all'isola dei Conigli


La notte del 3 ottobre 2013, una notizia drammatica arrivata da Lampedusa avrebbe lasciato attonito il Paese nelle ore successive: di fronte all'isola dei Conigli, "un piccolo tesoro di sabbia bianca e acque incontaminate", la "spiaggia più bella del mondo" come viene descritta, morirono 368 migranti, somali ed eritrei. L'imbarcazione, su cui avevano preso posto oltre cinquecento persone, si trovava a meno di tre chilometri da Lampedusa. E fu per il bisogno di segnalare la loro posizione, che alcuni decisero incautamente di dare fuoco ad un coperta, provocando un terribile incendio a bordo che provocò il naufragio dello scafo. Il bilancio di perdite di vite umane fu devastante. Si salvarono soltanto superstiti 155 migranti. Papa Francesco non esitò a parlare di vergogna per il genere umano. Il 24 ottobre 2013 il sindaco di Lampedusa e Linosa, Giusi Nicolini, insieme all'allora presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta, furono ricevuti a Bruxelles dal Presidente del Parlamento europeo Martin Schulz, al quale fu chiesto di intervenire al più presto a una revisione delle leggi europee in materia di asilo politico, definendo la Bossi-Fini-Maroni una "risposta ignominiosa a una domanda di tipo umanitario".

Da quel giorno, il 3 ottobre è la "Giornata nazionale in memoria delle vittime dell'immigrazione", momento di ricordo e raccoglimento a Lampedusa alle 3.15, l'ora del naufragio. Ora è in corso la marcia verso il mare con la deposizione alle 10,30 di una corona di fiori. Le foto della commemorazione di stanotte.









32 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

L'associazione

Montagne

Approfondisci la 

nostra storia

#laportadivetro

Posts Archive

ISCRIVITI
ALLA
NEWSLETTER

Thanks for submitting!

bottom of page