top of page

Giallo attentato su due voli partiti da Atene

di Germana Tappero Merlo

Terrorismo: bomba o dirottamento? Due allarmi terrorismo a voli Emirates in partenza da Atene nel tardo pomeriggio-sera di ieri. Il primo ha riguardato il volo Atene-Dubai, il cui decollo è stato annullato alle 18.00, ora locale, e il secondo, Emirates EK209, da Atene a New York-Newark, con 246 persone a bordo, a cui è stato ordinato di ritornare ad Atene, quando già si trovava sopra la Sardegna. Il comandante è stato avvisato dalle autorità che una persona sospetta di origine araba poteva essere tra i passeggeri. Francia e Italia hanno chiuso il loro spazio aereo e si sono rifiutati di consentire all'aereo di atterrare in uno qualsiasi dei loro aeroporti. Quindi ha dovuto compiere movimenti circolari su Sassari prima di ottenere il permesso di poter rientrare nella capitale greca per essere sottoposto a controlli di sicurezza. Nelle procedure sono stati coinvolti i servizi anti-terrorismo e avviate le procedure di emergenza. Affiancato da due caccia F-16 dell’aviazione greca, in base al codice “Renegade” (per cui l’aereo può essere abbattuto se considerato minaccia terroristica), il velivolo è atterrato all’aeroporto di Atene. I passeggeri e bagagli sono stati sottoposti ad ulteriori controlli di sicurezza, facendo supporre che si temesse la presenza di ordigni a bordo. Secondo i media, le autorità greche avevano ricevuto un avviso da agenzie di intelligence statunitensi secondo cui "un uomo di origine araba, sospettato di terrorismo, potrebbe essere a bordo". Secondo informazioni greche ma non confermate, le autorità avrebbero arrestato il sospetto.



Scontro a fuoco a Bruxelles: ucciso un poliziotto da estremista islamico

Un agente di Polizia è stato ucciso e un altro è rimasto ferito dopo che un uomo armato di coltello li ha attaccati a Sherbik, nell'area di Bruxelles, prima che i rinforzi della Polizia gli sparassero eliminandolo.

L'uomo armato aveva urlato "Allah Akbar" durante l'attacco. L’Isis non ha mai smesso la sua attività, benché non sempre riconosciuto. Immaginabile che nell’ombra abbia ricostituito le reti europee di reclutamento e di sostegno, con un'attività continua di proselitismo on line. Possibile anche che l'attentatore possa essere un solitario, dato che lo Stato Islamico è soprattutto un progetto che affascina e attrae parecchi soggetti., soprattutto giovani auto-radicalizzati.

40 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

L'associazione

Montagne

Approfondisci la 

nostra storia

#laportadivetro

Posts Archive

ISCRIVITI
ALLA
NEWSLETTER

Thanks for submitting!

bottom of page