top of page

21 Marzo, schierati contro tutte le mafie

Aggiornamento: 22 mar


Oggi è la "Giornata nazionale della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie" riconosciuta con la legge n.20 dell’8 marzo 2017. La data, 21 marzo, non è legata a nessun episodio particolare, ma ha una valenza simbolica, il primo giorno di primavera, l'uscita da una gelida stagione che vuole riaffermare il senso della legalità, la lotta a tutti quei poteri criminali che hanno nel loro Dna il ricorso alla prevaricazione, alla violenza e alla prepotenza. L'associazione Libera fondata da don Luigi Ciotti, e promotore dell'iniziativa, ha censito le vittime di mafia dall'Unità d'Italia, 1861, a oggi, in 1081, 12 in più rispetto al 2023. Dodici storie di cui Libera ha raccontato la genesi, partendo dalle segnalazioni di tanti cittadini e cittadine che con spirito civico hanno voluto far riemergere dall'oblio. Nella maggior parte sono storie del Novecento, alcune recenti, come l'assassinio del diciottenne Francesco Pio Maimone, "ucciso da un colpo di pistola vagante il 20 marzo 2023 agli chalet di Mergellina, sul Lungomare di Napoli. Il gip del Tribunale di Napoli, su richiesta della Dda partenopea, ha disposto il carcere per quattro ragazzi, mentre per tre ragazze sono stati disposti gli arresti domiciliari. Sono accusati, a vario titolo, di detenzione di armi comuni da sparo e favoreggiamento, reati aggravati anche dalle modalità mafiose".











La Giornata, che viene celebrata a Roma con una manifestazione nazionale, ha come epicentro l'arrivo del corteo alle 10,30 al Circo Massimo, come si vede nelle foto. Alla sua ventinovesima edizione, si ripropone come momento di riflessione e di ricerca della verità, quella verità che spesso rimane sepolta o accartocciata nel mistero per tantissime vittime delle mafie, in antitesi a una società democratica che ha come primo suo valore il primato della legalità per il rispetto che si deve alla collettività e ai famigliari di chi è stato ammazzato dai mafiosi, i cui nomi saranno tutti letti oggi all'apertura della cerimonia.


50 visualizzazioni0 commenti

Comments